Unione Sovietica

Come il Kgb ha creato gli oligarchi russi

Quando Putin ha invaso l’Ucraina, l’occidente ha imposto sanzioni a degli influenti miliardari russi per colpire i finanziatori della guerra di Mosca. Ma chi sono questi miliardari? E che legami hanno con il loro presidente? Il video. Leggi

Nostalgia del futuro

A trent’anni dal crollo dell’Urss, la Russia di Putin ha disperatamente bisogno dei simboli, dei miti e della storia del passato sovietico. Per giustificare la sua stessa esistenza. Leggi

pubblicità
La libertà nel pallone

In Unione Sovietica il calcio in tv era una chimera. Cercare un modo per vedere le partite internazionali e procurarsi informazioni sulle grandi squadre europee erano imprese eccitanti e avventurose. I ricordi di uno scrittore georgiano, per la serie dedicata al crollo dell’Urss. Leggi

Le due anime della Moldova

Per gli uomini e le donne moldavi cresciuti nell’Unione Sovietica l’indipendenza ha significato soprattutto libertà di scegliere. E ha portato alla consapevolezza di essere sospesi tra due lingue e due culture. Leggi

La mia infanzia post-sovietica

La scrittrice ucraina Katerina Miščenko racconta la vita nei grandi condomini collettivi, il trasferimento in Germania Est, il ritorno nell’Ucraina indipendente, la rivoluzione, il passato che ritorna. Il secondo articolo di una serie dedicata ai trent’anni del crollo dell’Urss. Leggi

pubblicità
Dall’Unione Sovietica alla Bielorussia e ritorno

L’infanzia da pioniere. Una nuova patria. La ricomparsa del sistema repressivo. Lo scrittore Viktor Martinovič racconta speranze e delusioni dell’indipendenza bielorussa, nel primo articolo di una serie dedicata ai trent’anni del crollo dell’Urss. Leggi

Come i sovietici anche gli Stati Uniti lasciano l’Afghanistan a mani vuote

Il ritiro delle truppe di Washington ricorda per molti aspetti quello deciso da Mosca nel 1988: due superpotenze sconfitte dalla determinazione dei ribelli, di oggi e di allora, di difendere il proprio territorio e il proprio stile di vita. Leggi

Il Kazakistan paga ancora il prezzo dei test nucleari sovietici

Tra il 1949 e il 1989 più di 400 bombe atomiche vennero fatte esplodere nel Poligono di Semipalatinsk, al tempo parte dell’Unione Sovietica. Dopo oltre trent’anni le conseguenze di quei test sono ancora visibili. Il video. Leggi

In Russia la quarantena politica è la norma

I russi vivono in un regime di isolamento politico già dall’epoca sovietica. Ora Putin potrebbe sfruttare la crisi del covid-19 per limitare ancora di più i diritti civili. Leggi

L’Onu compie 75 anni e il suo lavoro è sempre più difficile

Il 26 giugno 1945, a San Francisco, cinquanta stati firmarono la Carta delle Nazioni Unite. Resa inefficace dalla rivalità tra Washington e Mosca, l’organizzazione oggi subisce gli effetti dello scontro tra Stati Uniti e Cina. Leggi

pubblicità
I giovani ucraini che sfidano le radiazioni di Černobyl

Negli ultimi anni diverse persone hanno cominciato a entrare illegalmente nella zona contaminata. Si definiscono stalker. Chi sono e perché lo fanno. Leggi

Come il lago d’Aral rinasce dal deserto

Era uno dei più grandi laghi al mondo e ora è quasi prosciugato. La zona è diventata una distesa di sabbia, colpita da frequenti tempeste. Ma gli abitanti stanno cercando di renderla di nuovo vivibile. Leggi

I, Oblomov

Con la serie I, Oblomov il fotografo giapponese Ikuru Kuwajima costruisce un inno all’apatia. Le opere saranno in mostra al Lumiere brothers center for photography di Mosca fino al 13 maggio. Leggi

La legge sulla shoah fa male alla Polonia

La Polonia dovrebbe avere gli anticorpi contro le manipolazioni storiche. Invece il governo del Partito diritto e giustizia conduce una guerra culturale per scrivere la storia a colpi di legge. Leggi

Arte e rivoluzione, l’eredità delle avanguardie sovietiche

Revolution. New art for a new world è un documentario che racconta l’incredibile parabola dell’arte sovietica dal 1917 al 1953. Leggi

pubblicità
Venticinque anni fa finiva l’Unione Sovietica

Venticinque anni fa cadeva un gigante, travolto dalle nebbie fuligginose della storia. In quel 26 dicembre 1991, all’indomani delle dimissioni di Mikhail Gorbaciov, l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (Urss) veniva ufficialmente sciolta dal Soviet supremo, in un’atmosfera incredibilmente pacifica. Leggi

È morto il celebre clown russo Oleg Popov.
È morto il celebre clown russo Oleg Popov. Oleg Konstantinovič Popov è stato una colonna del circo Nikulin, l’istituzione circense di stato dell’Unione Sovietica, dalla metà degli anni cinquanta in poi. Proprio in quel periodo Nikita Chruščёv cominciò a organizzare delle tournée del circo prima in Europa e poi in tutto il mondo, nel tentativo di migliorare l’immagine dell’Urss agli occhi degli occidentali. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, Popov ha vissuto in Germania, ma nel 2015 era tornato in Russia. Aveva 86 anni.
Quel che resta di Černobyl, la centrale nucleare vista da un drone

L’Ucraina si prepara a ricordare il trentesimo anniversario dell’incidente della centrale nucleare di Černobyl, avvenuto il 26 aprile 1986. Il sito dell’ex centrale, ancora oggi altamente contaminato, visto da un drone in un video dell’Afp. Leggi

Perché Černobyl fa ancora paura

Il 26 aprile 1986 a Černobyl si è verificato il più grave incidente della storia in una centrale nucleare. Černobyl si trova in Ucraina settentrionale, e all’epoca era territorio dell’Unione Sovietica. Gli effetti di quella tragedia, trent’anni dopo, continuano a pesare sulla popolazione di una vasta area contaminata al confine tra Ucraina e Bielorussia, dove le autorità sostengono che oggi sia possibile una vita normale. Il reportage di Nicole Di Giulio e Antonella Spinelli. Leggi

Cosa resta della solidarietà internazionale di epoca sovietica

“Buongiorno Stalingrado! Sei all’altro capo del mondo, ma quando rombano i tuoi cannoni rombano per me e per tutti coloro che vogliono essere liberi”. I versi del poeta nero Langston Hughes fanno da didascalia a Things fall apart, mostra sulla propaganda sovietica rivolta ai neri discriminati negli Stati Uniti e colonizzati in Africa. Fino al 3 aprile alla Calvert 22 foundation di Londra. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.