02 marzo 2018 16:45

Le nomination per i novantesimi Academy awards, annunciate il 23 gennaio 2018, vedono un nutrito gruppo di candidati al titolo di miglior film, tra cui La forma dell’acqua, Dunkirk, Lady Bird, Scappa-Get out, Il filo nascosto e Tre manifesti a Ebbing, Missouri. È da sottolineare che nella categoria principale concorrono film di generi spesso snobbati dagli Oscar, come l’horror e le commedie adolescenziali. In un anno politicamente intenso per gli Stati Uniti, i premi del settore prediligono film dotati di un punto di vista deciso, raccontati da artisti noti (Guillermo del Toro, Christopher Nolan) e nuovi registi (Greta Gerwig, Jordan Peele) dotati di forte personalità dietro la macchina da presa.

La forma dell’acqua (con 13 nomination) e Tre manifesti a Ebbing, Missouri (con sette nomination) sono teoricamente i favoriti alla corsa per il premio di miglior film. Ma la corsa all’Oscar di quest’anno rimane relativamente aperta, con forti sacche di sostenitori per quasi tutti gli altri nominati.

Come succede ogni anno per gli Oscar, ci sono alcune pietre miliari: Rachel Morrison è la prima donna della storia a essere nominata nella categoria migliore fotografia. Greta Gerwig è la quinta donna è essere nominata come migliore regista, e la prima da quando Kathryn Bigelow ha vinto il premio nel 2010 per The hurt locker. Jordan Peele è il quinto afroamericano nominato in questa categoria, e solo la terza persona nella storia a ottenere la nomination nelle categorie miglior film, migliore sceneggiatura e miglior regista per il suo film d’esordio (gli altri sono Warren Beatty e James L.Brooks). Agnès Varda, 89 anni, la pionieristica regista donna distintasi inizialmente durante la nouvelle vague francese, ha ottenuto la sua prima nomination competitiva agli Oscar per il suo documentario Visages villages. Mentre Logan-The Wolverine è il primo film tratto da un fumetto a ottenere una nomination per la sceneggiatura (nella categoria sceneggiature non originali).

Esclusi e favoriti
Tra gli esclusi più sorprendenti c’è James Franco, ritenuto tra i favoriti per il suo film The disaster artist (che ha comunque ottenuto una nomination tra le sceneggiature non originali), forse per le accuse di aggressione sessuale riferite dal Los Angeles Times mentre venivano definite le nomination. Il film The Post di Steven Spielberg, che negli scorsi anni sarebbe stato uno dei principali candidati, ha ottenuto solamente le nomination come miglior film e miglior attrice protagonista (Meryl Streep), quasi un gesto dovuto per una delle storiche favorite all’Oscar. Martin McDonagh, che ha ottenuto una nomination per la sceneggiatura di Tre manifesti, è stato escluso dalla categoria di miglior regista, in cui è invece entrato Paul Thomas Anderson per Il filo nascosto, il che indica che il film non avrebbe l’unanimità di consensi in tutte le categorie che solitamente accompagna i favoriti.

Tre manifesti ha comunque ottenuto due nomination per gli attori non protagonisti (Sam Rockwell e Woody Harrelson), che hanno estromesso i due attori favoriti di Chiamami col tuo nome (Armie Hammer e Michael Stuhlbarg). La recente ondata di sostegno a favore di Il filo nascosto, che ha ottenuto sei nomination (tra le quali miglior film e miglior attrice non protagonista) è stata una sorpresa dopo che il film è stato perlopiù ignorato nei premi precedenti. Film più di nicchia come Tonya e Un sogno chiamato Florida non sono riusciti a essere nominati come miglior film o migliore sceneggiatura, ottenendo solo nomination per gli interpreti (e, nel caso di Tonya per il montaggio). Anche L’ora più buia, un film biografico su Winston Churchill, ha ottenuto molti apprezzamenti, ricevendo una nomination come miglior film (Gary Oldman è favorito nella corsa per il miglior attore).

I principali favoriti sono cinque film, e ciascuno possiede caratteristiche che potrebbero farlo prevalere. Tre manifesti ha colpito i votanti che vi hanno visto il racconto di una donna ostinatamente alla ricerca di giustizia, e la sua attrice principale Frances McDormand è la favorita nella sua categoria. Scappa–Get out, al contempo satira sferzante e horror palpitante, ha ottenuto elogi dalla critica e ha sbancato il botteghino nel febbraio 2017, diventando forse il film più discusso dello scorso anno. Lady Bird, storia di una ragazza che cresce a Sacramento, è stato adorato dai critici ed è uno dei film indipendenti più di successo di quest’inverno. La forma dell’acqua è un’emozionante opera firmata da Guillermo Del Toro, che ha trasformato il suo amore per i film di mostri in un entusiasmante, e a tratti scioccante, film drammatico ambientato nel passato. Ed è difficile ignorare anche Dunkirk, una celebrazione del potere del cinema nonché una sconvolgente esperienza cinematografica sulla guerra, firmata da uno dei principali artigiani del settore, Christopher Nolan.

La cerimonia degli Academy Award sarà trasmessa il 4 marzo alle 20: sarà presentata da Jimmy Kimmel e trasmessa dal vivo dalla Abc. Ecco la lista completa delle nomination.

Miglior film

Miglior regista

  • Paul Thomas Anderson (Il filo nascosto)
    
 - Guillermo del Toro (La forma dell’acqua)
  • Greta Gerwig (Lady Bird)
    
 - Christopher Nolan (Dunkirk)
    
 - Jordan Peele (Scappa-Get out)

Miglior attore protagonista

  • Timothée Chalamet (Chiamami col tuo nome)
    
 - Daniel Day-Lewis (Il filo nascosto)
    
 - Daniel Kaluuya (Scappa-Get out)
    
 - Gary Oldman (L’ora più buia)
    
 - Denzel Washington (Roman J. Israel, Esq.)

Miglior attrice protagonista

  • Sally Hawkins (La forma dell’acqua)
    
 - Frances McDormand (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)
    
 - Margot Robbie (Tonya)
    
 - Saoirse Ronan (Lady Bird)
    
 - Meryl Streep (The Post)

Miglior attore non protagonista

  • Willem Dafoe (Un sogno chiamato Florida)
  • Woody Harrelson (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)
  • Richard Jenkins (La forma dell’acqua)
  • Christopher Plummer (Tutti i soldi del mondo)
  • Sam Rockwell (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)

Miglior attrice non protagonista

  • Mary J. Blige (Mudbound)
    
 - Allison Janney (Tonya)
    
 - Lesley Manville (Il filo nascosto)
    
 - Laurie Metcalf (Lady Bird)
    
 - Octavia Spencer (La forma dell’acqua)

Migliore sceneggiatura originale

  • Guillermo del Toro, Vanessa Taylor (La forma dell’acqua)
    
 - Greta Gerwig (Lady Bird)
    
 - Emily V. Gordon, Kumail Nanjiani (The big sick - Il matrimonio si può evitare… l’amore no)
    
 - Martin McDonagh (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)
    
 - Jordan Peele (Scappa-Get out)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Scott Frank, Michael Green, James Mangold (Logan-The Wolverine)
    
 - James Ivory (Chiamami col tuo nome)
    
 - Scott Neustadter, Michael H. Weber (The disaster artist)
    
 - Dee Rees, Virgil Williams (Mudbound)
    
 - Aaron Sorkin (Molly’s game)

Miglior film d’animazione

  • Baby boss
    
 - The breadwinner
    
 - Coco
    
 - Ferdinand
    
 - Loving Vincent

Miglior film in lingua straniera

Miglior film documentario

  • Abacus: small enough to jail
    
 - Faces places
    
 - Icarus
    
 - Last men in Aleppo
    
 - Strong island

Miglior colonna sonora

  • Dunkirk
    
 - Il filo nascosto
    
 - La forma dell’acqua
    
 - Star Wars: Gli ultimi jedi
    
 - Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior canzone originale

  • Mighty river (Mudbound)
  • Mystery of love (Chiamami col mio nome)
  • Remember me (Coco)
  • Stand up for something (Marcia per la libertà)
  • This is me (The Greatest Showman)

Miglior fotografia

  • Blade Runner 2049
    
 - L’ora più buia
    
 - Dunkirk
    
 - Mudbound
    
 - La forma dell’acqua

Miglior montaggio

  • Baby Driver- Il genio della fuga
    
 - Dunkirk
    
 - Tonya
    
 - La forma dell’acqua
    
 - Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior scenografia

  • La bella e la bestia
    
 - Blade Runner 2049
    
 - L’ora più buia
    
 - Dunkirk
    
 - La forma dell’acqua

Migliori costumi

  • La bella e la bestia
    
 - L’ora più buia
    
 - Il filo nascosto
    
 - La forma dell’acqua
  • Victoria e Abdul

Miglior montaggio sonoro

  • Baby Driver- Il genio della fuga
    
 - Blade Runner 2049
    
 - Dunkirk
    
 - La forma dell’acqua
  • Star Wars: Gli ultimi jedi

Miglior sonoro

  • Baby Driver- Il genio della fuga
    
 - Blade Runner 2049
    
 - Dunkirk
    
 - La forma dell’acqua
    
 - Star Wars: Gli ultimi jedi

Migliori effetti speciali

  • Blade Runner 2049
  • Guardiani della Galassia Vol.2
  • Kong: skull island
  • Star Wars: Gli ultimi jedi
  • The war-Il pianeta delle scimmie

Miglior trucco e acconciature

  • L’ora più buia
  • Victoria e Abdul
  • Wonder

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Dear basketball
    
 - Garden party
    
 - Lou
    
 - Negative space
    
 - Revolting rhymes

Miglior cortometraggio

  • DeKalb elementary
    
 - The eleven o’clock
    
 - My nephew Emmett
    
 - The silent child
    
 - Watu Wote

Miglior corto documentario

  • Edith + Eddie
  • Heaven is a traffic jam on the 405
  • Heroin(e)
  • Knife skills
  • Traffic stop

(Traduzione di Federico Ferrone)

Questo articolo è stato pubblicato da The Atlantic. Leggi la versione originale.
© 2018. Tutti i diritti riservati. Distribuito da Tribune Content Agency.