Jihadismo

Qualche interrogativo sulla morte di Al Baghdadi

Trump toglie il sostegno ai curdi, ma il Pentagono dichiara che sono stati loro a fornire le informazioni per l’operazione contro il capo dei jihadisti. Perché? Cosa succederà adesso nella regione? E qual è il futuro dell’Is? Leggi

Le due sorelle di Beirut che combattono la radicalizzazione

Maya e Nancy Yamout lavorano da anni con i detenuti della prigione di Roumieh, nella capitale libanese, per evitare che i giovani siano reclutati dagli estremisti islamici. Leggi

pubblicità
La morte di un jihadista francese segna la fine del califfato

Fabien Clain aveva rivendicato gli attentati di Parigi. Ora il problema è il reinserimento dei miliziani europei e delle loro famiglie. Leggi

I nuovi jihadisti europei

Al Festival di Internazionale di Ferrara, Olivier Roy, orientalista e politologo, Farhad Khosrokhavar, sociologo franco-iraniano e Alessandro Orsini, sociologo dell’università Luiss Guido Carli, rispondono alle domande di Corrado Formigli per spiegare chi sono e cosa vogliono i giovani europei che scelgono il terrorismo. Leggi

L’identikit dei nuovi jihadisti europei

L’irruzione sulla scena del gruppo Stato islamico rappresenta un grande cambiamento per il jihadismo internazionale. Farhad Khosrokhavar, che studia da quindici anni il fenomeno, spiega che per combattere il nuovo terrorismo islamico bisogna capire perché è diverso da quello di Al Qaeda. Intervista. Leggi

pubblicità
L’islam contro il terrorismo

Anche se può sembrare cinico dirlo, l’ascesa del gruppo Stato islamico (Is) non ha solo aspetti negativi. La barbarie dell’organizzazione ha creato un tale malessere nell’islam che dopo aver mobilitato le grandi potenze a favore di un accordo di pace sulla Siria ha prodotto un’alleanza di trentaquattro paesi sunniti contro i jihadisti. Leggi

Il jihadismo in Tunisia è una minaccia di lunga data

Il terrorismo non è una novità per le autorità tunisine, che devono farci i conti da ben prima dello scoppio della rivoluzione del 2011. L’attentato al museo del Bardo, rivendicato dallo Stato islamico, ha richiamato subito alla mente quello del 2002 contro la sinagoga della Ghriba, a Djerba, dove l’esplosione di un furgone imbottito di esplosivo uccise 21 turisti. Leggi

Horror jihadista

Di fronte alle ultime decapitazioni compiute dagli islamisti del gruppo Stato islamico abbiamo sentito parlare soprattutto di “barbarie”. Nella lingua dell’impero romano, la parola “barbaro” serviva a descrivere gli stranieri che non parlavano latino. Invocando la barbarie si vuole mettere in evidenza la dimensione “primitiva” e anacronistica, premoderna del crimine perpetrato. Leggi

La coalizione sbagliata

Per combattere lo Stato islamico in Medio Oriente gli Stati Uniti hanno coinvolto tutti tranne quelli che vogliono davvero sconfiggere i jihadisti. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.