Politica

L’inutile battaglia ideologica sulla giustizia della destra italiana

Il ministro Carlo Nordio ha invitato il parlamento a non avere un atteggiamento sottomesso rispetto ai magistrati, aprendo un nuovo scontro tra politica e magistratura. Leggi

Il voto in Lazio e Lombardia rivela la crisi tra i partiti

Con il deposito delle candidature, il cui termine scade sabato 14 gennaio, comincia la campagna elettorale per le elezioni regionali. Mai come in questa occasione è rilevante il risultato delle singole forze politiche. Leggi

pubblicità
Per il governo Meloni la cultura è solo una questione di soldi

Con il bonus 18app lo stato aveva deciso di investire nella crescita culturale dei neomaggiorenni. La destra vorrebbe trasformarlo in una sovvenzione assistenziale. Leggi

A sinistra la questione non è morale ma politica

Davanti allo scandalo al parlamento europeo, che coinvolge persone legate alla sinistra italiana, bisogna usare bene le parole di Enrico Berlinguer: nella seconda repubblica i partiti sono diventati più strumento di potere che portatori di idee. Leggi

Lo scandalo che fa tremare il parlamento europeo

Un’indagine della giustizia belga ha portato alla luce una rete di corruzione finanziata dal Qatar per mettere a tacere le critiche sull’assegnazione dei mondiali di calcio all’emirato Leggi

pubblicità
La riforma della giustizia per ora serve soprattutto a tenere insieme la destra

Il ministro Carlo Nordio sembra intenzionato a mettere mano ad alcuni temi giuridici, come l’obbligatorietà dell’azione penale, l’uso delle intercettazioni e la separazione delle carriere. Temi delicati che riaprono lo scontro con i magistrati. Leggi

Populismo nel continente

Il numero di dicembre della rivista dell’università Unam di Città del Messico è dedicato al populismo. “La parola populismo”, scrive la direttrice Guadalupe Nettel... Leggi

Aboubakar Soumahoro, anatomia di una caduta

Lo scandalo che ha travolto Aboubakar Soumahoro mostra alcune contraddizioni strutturali della politica: dalla gestione dell’accoglienza alla selezione della classe dirigente, fino al razzismo quando il protagonista di un’accusa è un nero. Leggi

Il populismo penale del nuovo governo

Con il decreto anti-rave la maggioranza ha voluto rassicurare il suo elettorato, dimostrando di voler affrontare le questioni sociali solo come problemi di ordine pubblico. Leggi

È arrivata la salvatrice della patria?

Nei suoi discorsi Giorgia Meloni ricostruisce la storia italiana con disinvoltura e qualche amnesia di troppo, favorita dalla distrazione di avversari e osservatori. Una strategia per affermare l’ideologia della nuova destra al potere. Leggi

pubblicità
Per Meloni il berlusconismo è finito, resta Berlusconi

Il leader di Forza Italia sa che il governo si prepara a consegnare alla storia ciò che lui ha rappresentato per trent’anni. La nuova destra sarà molto più radicale e ideologica. Leggi

Ignazio La Russa non ha capito il suo ruolo

Le dichiarazioni inopportune del presidente del senato trascinano l’istituzione nella battaglia politica e rischiano di schierarla con una parte. Leggi

Vertigini della storia

L’ironia ha voluto che toccasse a Liliana Segre passare il testimone della presidenza del senato a Ignazio La Russa. Dai loro discorsi è emerso il conflitto tra due modi di intendere la repubblica, la costituzione e la comunità nazionale Leggi

Perché il Partito democratico non è mai nato

Fin dalla sua fondazione nel 2007, il Pd ha preferito non avere una identità precisa e non decidere chi rappresentare. Così è diventato uno strumento di potere adattabile a ogni governo e si è spostato sempre più a destra. Leggi

Confini

In tutto il mondo è in corso un’erosione dei confini tra estrema destra e destra moderata. E la gran parte dei mezzi d’informazione ne è responsabile. Leggi

pubblicità
Perché Giorgia Meloni va presa sul serio

Il centrosinistra si è limitato a dipingerla come un personaggio caricaturale, invece di capire cosa rappresenta davvero e quali sono i suoi obiettivi. Anche per questo ha perso. Leggi

La vittoria di Giorgia Meloni cambia gli equilibri politici europei

È significativo che il primo messaggio di congratulazioni per Giorgia Meloni sia arrivato dal premier ungherese Viktor Orbán. È proprio sul futuro dell’Unione europea che Meloni rischia di avere un ruolo decisivo. Leggi

Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni

Come funziona il Rosatellum? Cos’è l’effetto flipper? Quanti segni si possono mettere sulla scheda elettorale? Una guida per votare il 25 settembre. Leggi

A Piombino c’è un’altra campagna elettorale

Governo e regione hanno trovato un accordo per installare il rigassificatore nel porto. Mentre i leader nazionali sono quasi tutti favorevoli, la politica locale è schierata contro il progetto. Leggi

Perché è difficile modificare il Pnrr

Alcuni partiti chiedono di rivedere gli impegni presi con l’Unione europea. Ma non è così facile. E c’è una rigida tabella di marcia da rispettare per poter ricevere i finanziamenti Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.