Arte

Da oggetto a soggetto: l’arte femminista in mostra a Milano

La stagione gloriosa del femminismo italiano raccontata da più di cento artiste: i loro lavori raccontano la messa in discussione e la reinvenzione continua del linguaggio. Leggi

La mia storia d’amore con Venezia

Venezia è, come il corpo trans, il luogo dove la lotta e la trasformazione degli elementi (acqua, aria, luce) acquisiscono una coerenza estetica. Leggi

pubblicità
Fitch & Trecartin, Adamo ed Eva senza sesso nell’Eden americano

Wether line, la mostra di Fitch e Trecartin allestita a Milano, è l’occasione per fermarsi e storicizzare il loro lavoro inafferrabile e profetico. Leggi

Che fine ha fatto il Salvator mundi attribuito a Leonardo?

Comprato nel 2005 per 1.175 dollari e venduto nel 2017 per 450 milioni di dollari, è al centro di polemiche sull’attribuzione e illumina aspetti opachi del mercato dell’arte. Leggi

Ingres e il feticcio dell’Antico

La mostra di Jean-Auguste-Dominique Ingres al palazzo Reale di Milano è l’occasione per scoprire il lato più moderno e immaginifico del neoclassicismo di primo ottocento. Leggi

pubblicità
La battaglia di Zanele Muholi

Zanele Muholi è un’attivista visiva che sta riscrivendo la storia sudafricana dal punto di vista della comunità nera, lesbica e trans. Alcune delle sue opere sono in mostra a Roma. Leggi

Visioni ibride

Per la prima volta in Italia, una mostra ripercorre la carriera dell’artista statunitense Sandy Skoglund, tra sculture, installazioni e fotografie in grande formato. Leggi

La Francia pronta a restituire le opere d’arte sottratte ai paesi africani

Quali sono gli ostacoli che renderanno difficile la restituzione delle opere e degli oggetti africani conservati nei musei francesi dai tempi della colonizzazione. Leggi

Colonialismo reloaded

A Roma, in mostra tre opere video che hanno l’obiettivo di intervenire sul linguaggio razzista contemporaneo riflettendo sulla memoria del colonialismo italiano. Leggi

Edvard Munch, il pittore con la macchina fotografica

Edvard Munch è stato uno dei primi artisti a sperimentare con l’autoritratto fotografico. Una mostra rivela al pubblico i suoi lavori con la fotografia e le immagini in movimento. Leggi

pubblicità
L’ora del rinascimento africano al festival Dak’Art

Come nelle passate edizioni la biennale è stata una ventata di dinamismo per un paese, una regione e un intero continente che sta tentando di reinventare il suo futuro senza dimenticare il passato. Leggi

Un giro al mercato di Balogun

Nel suo nuovo lavoro, Lorenzo Vitturi racconta uno dei mercati più grandi del continente africano, in Nigeria, alternando collage, ritratti e still life. Leggi

I libri sono come degli zombi che ci cercano e ci trovano

Un libro, diceva Derrida, è un messaggio che qualcuno ha scritto e che può essere letto anche se il mittente è morto, e che anzi va letto come se il mittente fosse già morto. Leggi

I migranti nella realtà virtuale di Alejandro Iñárritu

Carne y arena è una potente esperienza immersiva che annulla la distanza emotiva tra noi e i migranti che cercano di attraversare i muri dell’occidente. Leggi

Mollette d’autore

Dalla metà del settecento ai giorni nostri, la molletta da bucato ha sempre fatto parte della nostra vita quotidiana. Solo in Italia se ne vendono 400 milioni di pezzi all’anno. Leggi

pubblicità
In Polonia i conservatori vogliono riscrivere la storia

Il governo di Varsavia vuole che il museo della seconda guerra mondiale esalti di più il patriottismo e l’eroismo polacchi, con una nuova narrazione dei fatti. Leggi

Rinascita underground

In una Londra segnata dalla recessione e dalla fine del punk, David Gwinnutt ha ritratto la scena artistica britannica dei primi anni ottanta. Leggi

Francesco Vezzoli guarda la Rai degli anni settanta

Una visita alla mostra più ambiziosa mai allestita alla Fondazione Prada di Milano. Leggi

Opere da bruciare

Ogni anno una città dell’arte viene creata e bruciata nel deserto del Sudafrica durante AfrikaBurn. Leggi

I flagellanti di Reggio Emilia e la pittura pompier

Un gruppo cattolico oltranzista di Reggio Emilia ha indetto una “processione di riparazione” per il gay pride. Stupisce il modo scelto per pubblicizzare il raduno. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.