Taliban

Per le strade di Kabul, dopo la vittoria dei taliban

Il movimento estremista sostiene che ora il paese è più sicuro, ma l’economia è in grave crisi perché gli aiuti internazionali sono stati tagliati. Intanto le donne temono di perdere i diritti conquistati negli ultimi anni. Il video. Leggi

Migliaia di persone sono ancora bloccate in Afghanistan

I taliban non hanno mantenuto la loro promessa di lasciar partire gli afgani che ne avrebbero diritto. Per costringere il nuovo regime a mantenere gli impegni, la comunità internazionale potrebbe usare la carta dell’accesso ai finanziamenti. Leggi

pubblicità
Perché i taliban temono l’occidente

Il fondamentalismo islamico è cresciuto in reazione all’influenza dell’individualismo e del secolarismo liberale occidentale. E il suo nemico non è il neocolonialismo economico occidentale, ma la sua cultura “immorale”. Leggi

La debole speranza della diplomazia per aiutare gli afgani

La comunità internazionale chiede ai taliban un segnale di normalizzazione, come autorizzare la partenza di chi potrebbe lasciare il paese. Ma al momento sembrano più impegnati a consolidare il loro potere. Leggi

Gli Stati Uniti non hanno mai capito l’Afghanistan

La politica americana era animata da diverse illusioni. La principale era l’idea che i taliban potessero essere eliminati e che, nel farlo, potessero essere trasformati un’intera cultura e un intero paese. Leggi

pubblicità
La vita a Kabul vista dall’ospedale di Emergency

“Vorrei andare via, ma sono troppo anziana”. I pazienti e lo staff dell’ospedale di Emergency raccontano le loro paure e la difficoltà di lasciare il paese. Il video. Leggi

Mogadiscio rischia di fare la fine di Kabul

L’esperimento di costruzione nazionale a guida straniera in Somalia crollerà, proprio come in Afghanistan, a meno che non sia adottato un metodo diverso. Leggi

L’Iraq diviso e impaurito dal ritorno dei taliban in Afghanistan

Le istituzioni irachene non si sono pronunciate sulle vicende afgane, ma dai social network emerge la paura della popolazione di precipitare nello stesso caos quando le truppe statunitensi si ritireranno alla fine dell’anno. Leggi

La galassia islamista che contende il potere ai taliban

Tra Iraq, Siria e Pakistan esistono numerosi gruppi jihadisti, nessuno dei quali pone una grande minaccia da solo, ma con cui i taliban arrivati al potere in Afghanistan dovranno fare i conti. Leggi

Cosa faranno ora i taliban

Abbiamo sottovalutato la strategia dei taliban? Sono cambiati? Sosterranno il terrorismo internazionale? Intervista con Olivier Roy, politologo, specialista dell’islam e dell’Afghanistan. Leggi

pubblicità
La strategia usata dai taliban per far collassare il governo afgano

L’avanzata verso Kabul è stata così rapida da stupire tutti, anche gli stessi leader dei ribelli. È stata il frutto di una strategia cominciata mesi fa: intimorire le forze armate e corrompere i leader tribali. Leggi

Chi sono i taliban, come si finanziano  e chi li appoggia

Uno sguardo alle origini, all’ideologia, ai leader e agli alleati di un movimento che non cerca di esportarsi, a differenza di Al Qaeda e del gruppo Stato islamico, ma vuole imporre la sua legge. Leggi

Il ritorno dei taliban avrà ripercussioni su tutto il Medio Oriente

Il presidente Joe Biden dovrà probabilmente subire le critiche più aspre per un ritiro eseguito in maniera disastrosa. Ma di colpe ce ne sono un po’ per tutti e il prezzo da pagare sarà un’instabilità diffusa. Leggi

Le lezioni della disfatta di Kabul

Quello che sta succedendo in questi giorni non è la sconfitta dell’intervento statunitense del 2001, ma quella del sogno civilizzatore che l’occidente voleva imporre in Afghanistan. Leggi

La trattativa in Afghanistan arriva con 17 anni di ritardo

Probabilmente i taliban furono estranei all’11 settembre e Washington poteva trattare con loro nel 2001, risparmiando all’Afghanistan migliaia di morti. Leggi

pubblicità
L’esilio di Rahela Sidiqi, la donna afgana che ha sfidato i taliban

I taliban, al potere in Afghanistan dal 1996 al 2001, hanno imposto al paese un regime molto repressivo. Alle donne era vietato mostrare il volto, studiare e lavorare fuori casa. Rahela Sidiqi ha lottato per cambiare questa situazione ma dal 2011 ha dovuto abbandonare il suo paese e si è rifugiata nel Regno Unito. Il video della Thomson Reuters Foundation. Leggi

Nella guerra in Afghanistan i civili pagano il prezzo più alto

Dal 2001 al 2016 la guerra in Afghanistan ha provocato la morte di oltre 110mila persone, tra cui 31mila civili. Negli ultimi quindici anni 2,7 milioni di afgani hanno lasciato il paese, mentre i profughi interni sono circa un milione. Il video della Thomson Reuters Foundation. Leggi

Sono ricominciati i negoziati di pace tra i taliban e il governo afgano.
Sono ricominciati i negoziati di pace tra i taliban e il governo afgano. Dopo il fallimento delle trattative di pace in Pakistan, sarebbero ricominciati dei negoziati segreti a Doha, in Qatar, tra taliban e governo. Lo rivela il quotidiano britannico The Guardian. A inizio settembre e a inizio ottobre si sono incontrati il fratello del mullah Omar, il mullah Abdul Manan Akhund, e il capo dell’intelligence afgana Mohammed Masoom Stanekzai.
Un nuovo capo per i taliban afgani
Un nuovo capo per i taliban afgani. È il mullah Haibatullah Akhundzada, un importante giudice di questioni religiose che era stato scelto come vice da Akhtar Mansour, il leader taliban ucciso il 21 maggio da un drone statunitense in Pakistan. La scelta del nuovo capo è stata il frutto di una serie di incontri tra i dirigenti del gruppo a Quetta, in Pakistan. La decisione è stata rapida, probabilmente per prevenire nuove divisioni all’interno del movimento.
I taliban colpiscono il centro di Kabul 

L’esplosione di un’autobomba nel centro di Kabul il 19 aprile ha provocato almeno 28 morti e 320 feriti. L’attacco è stato rivendicato dai taliban. Il video dell’Afp. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.