Vladimir Putin

Il plebiscito voluto da Putin nasconde le sue debolezze

I risultati del referendum del 1 luglio danno al presidente la possibilità di restare in carica fino al 2036. Ma soprattutto sono uno strumento di pressione formidabile su élite, burocrazia e oppositori. Leggi

Vladimir Putin ha sottovalutato la forza politica del virus

Il presidente russo vive un calo di popolarità dovuto alla cattiva gestione dell’epidemia e all’isolamento internazionale che lo costringe ad appoggiarsi alla potenza cinese. Leggi

pubblicità
In Russia la diffusione del virus continua ad accelerare

Il 3 maggio i contagi hanno toccato un nuovo record e l’epidemia si sta estendendo alle aree più isolate. La popolarità di Putin comincia a risentirne. Leggi

Agli elettori sovranisti non importa se i soldi vengono da Putin

Matteo Salvini e altri leader sovranisti hanno capito che molti loro elettori amano l’uomo forte del Cremlino e non considerano affatto un problema le interferenze russe in Europa. Leggi

Le concessioni di Putin davanti al malcontento dei russi

Nel discorso alla nazione del 20 febbraio il presidente ha messo l’accento sulle questioni economiche e sociali, con particolare attenzione alle famiglie. Leggi

pubblicità
Putin vuole dare fuoco alle polveri in Ucraina

L’Ucraina ha i suoi torti, come li hanno gli occidentali. Ma il primo dei problemi, oggi, è la Russia. Leggi

Putin ha le spie che si merita

Quando si predilige la fedeltà alla competenza le conseguenze sono spiacevoli, anche per il capo del Cremlino. Leggi

Mosca dovrebbe ammettere le sue responsabilità sul volo MH17

Anche se Putin considera legittime le azioni militari russe in Ucraina, dovrebbe chiarire che considera l’abbattimento dell’aereo un terribile errore e offrire dei risarcimenti alle famiglie delle vittime. Leggi

I tre uomini forti che vogliono cancellare i diritti umani

Se è vero che andiamo verso un mondo dominato da tre uomini – Donald Trump, Vladimir Putin e Xi Jinping – a farne le spese potrebbe essere l’idea stessa della tutela dei diritti umani, almeno per qualche tempo. Leggi

Il fattore Putin influenza il voto in Europa e negli Stati Uniti

Cos’hanno in comune le vittorie a sorpresa di Donald Trump negli Stati Uniti e quella di François Fillon alle primarie del centrodestra in Francia? Questi due uomini, che non condividono né il percorso politico né il temperamento o il programma, nutrono la stessa ammirazione per il presidente russo. Leggi

pubblicità
Vladimir Putin condanna il bando degli atleti russi alle Olimpiadi
Vladimir Putin condanna il bando degli atleti russi alle Olimpiadi. Il presidente russo ha definito “ingiusta” la decisione della Federazione internazionale di atletica leggera di escludere la federazione di Mosca dai giochi in programma in agosto a Rio de Janeiro, in Brasile. L’organismo internazionale considera che gli atleti facessero uso di doping con la complicità del Cremlino.
Vladimir Putin risponde alla stampa e ai cittadini

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto la sua conferenza stampa annuale. Tra le altre cose, ha parlato dell’inchiesta dei Panama papers, della situazione economica in Russia, delle sanzioni occidentali e della guerra in Siria. Il video del New York Times. Leggi

I conti segreti dei Panama papers

L’inchiesta dell’International consortium of investigative journalists rivela come negli ultimi quarant’anni centinaia di persone tra le più potenti del mondo abbiano nascosto le loro ricchezze nei paradisi fiscali. Ecco la lista delle principali rivelazioni contenute nei file filtrati dallo studio di avvocati panamensi Mossack Fonseca. Leggi

La Russia comincia a ritirarsi parzialmente dalla Siria.
La Russia comincia a ritirarsi parzialmente dalla Siria. Nel quinto anniversario dello scoppio della guerra, i primi aerei militari di Mosca hanno lasciato il paese dopo l’annuncio di ieri del presidente Vladimir Putin. Il Cremlino, alleato del presidente siriano Bashar al Assad, manterrà i suoi sistemi di difesa antiaerea e continuerà a bombardare lo Stato islamico. Intanto a Ginevra proseguono i colloqui di pace.
Russia e Stati Uniti d’accordo per una tregua in Siria

Il piano è frutto dei colloqui tra il segretario di stato statunitense e il ministro degli esteri russo. I presidenti Barack Obama e Vladimir Putin si sono telefonati e sostengono la decisione. Ora devono decidere se aderire i gruppi che combattono il regime di Bashar al Assad. Il precedente accordo per un cessate il fuoco non è stato rispettato. Leggi

pubblicità
Putin ha “probabilmente” autorizzato l’omicidio di Alexander Litvinenko.
Putin ha “probabilmente” autorizzato l’omicidio di Alexander Litvinenko. L’ex agente segreto russo è morto a Londra nel 2006 per avvelenamento da polonio. L’inchiesta pubblica del governo britannico ha concluso che due altri agenti russi hanno avvelenato Litvinenko su istruzioni del Cremlino. La ministra dell’interno britannica Theresa May ha definito l’omicidio una “violazione delle leggi internazionali” e ha chiesto l’estradizione dei due sospettati.
Vladimir Putin non esclude di dare asilo a Bashar al Assad
Vladimir Putin non esclude di dare asilo a Bashar al Assad. In un’intervista al tabloid tedesco Bild, il presidente russo ha ricordato che nel 2013 Mosca ha concesso asilo politico all’ex analista dell’Nsa Edward Snowden, cittadino statunitense: fare lo stesso con il presidente siriano “sarebbe di gran lunga meno difficile”, ha detto Putin, aggiungendo che “prima deve potersi esprimere il popolo siriano”.
L’amico russo di Donald Trump

Vituperato sulla scena internazionale e anche dal suo stesso partito, Donald Trump ha un ammiratore illustre, nientemeno che… Vladimir Putin. “È un uomo brillante e pieno di talento”, ha dichiarato il presidente russo parlando dell’imprenditore attualmente favorito per le primarie repubblicane. Leggi

Stati Uniti e Russia cercano una linea comune sulla Siria.
Stati Uniti e Russia cercano una linea comune sulla Siria. Il segretario di stato statunitense John Kerry ha incontrato a Mosca il presidente Vladimir Putin per cercare una soluzione alla guerra civile in Siria e coordinare le rispettive campagne militari contro i jihadisti. Dopo l’incontro Kerry ha confermato che Stati Uniti e Russia collaboreranno in modo più stretto. Ancora da sciogliere il nodo del ruolo del presidente Bashar al Assad: Washington lo vuole rimuovere, per Mosca è un alleato.
Stati Uniti e Russia discutono della strategia in Siria.
Stati Uniti e Russia discutono della strategia in Siria. Il segretario di stato statunitense John Kerry incontrerà a Mosca il presidente Vladimir Putin per cercare una soluzione alla guerra civile in Siria e coordinare le rispettive campagne militari contro i jihadisti. Da sciogliere il nodo del ruolo del presidente Bashar al Assad: Washington lo vuole rimuovere, per Mosca è un alleato.
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.