Ultim’ora
La corte costituzionale italiana ha fissato per il 24 gennaio l’udienza sulla costituzionalità dell’Italicum
 
  •    

Il mondo adesso

Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Come aveva preannunciato, dopo l’approvazione della legge di bilancio da parte del senato e dopo l’intervento alla direzione nazionale del Partito Democratico, il primo ministro Matteo Renzi ha presentato le sue dimissioni al presidente della repubblica Sergio Mattarella. Dimissioni accettate con riserva dal capo dello stato che comincerà una serie di consultazioni per risolvere la crisi di governo. Il calendario delle consultazioni prevede per l’8 dicembre, a partire dalle ore 18, l’incontro con il presidente del senato Pietro Grasso, seguito dalla presidente della camera Laura Boldrini e dal presidente emerito Giorgio Napolitano. Nella giornate di venerdì 9 e sabato 10 dicembre, Mattarella incontrerà i rappresentanti dei gruppi parlamentari e dei partiti.
I ribelli siriani si ritirano dal centro di Aleppo. L’opposizione armata al governo di Bashar al Assad ha perso tutte le aree del centro di Aleppo che erano rimaste sotto il suo controllo, comprese quelle intorno alla Cittadella, che occupavano da quattro anni. Lo annuncia l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Gli ultimi ribelli rimasti hanno chiesto una tregua di cinque giorni e la possibilità di aprire canali umanitari per trasferire i feriti e i civili. Inoltre la Russia ha fatto sapere che è morto un suo colonnello in un bombardamento d’artiglieria nella parte ovest di Aleppo. Una base aerea vicino a Damasco è stata colpita da missili e il governo di Bashar al Assad accusa Israele.
Un aereo con 47 persone a bordo precipita nel nord del Pakistan. Un aereo di linea della Pakistan international airlines, decollato dall’aeroporto di Chitral e diretto a Islamabad, si è schiantato non lontano dalla città di Havelian. Il velivolo ha perso ogni contatto con le autorità dell’aviazione civile pachistana intorno alle 12,30, ora italiana. Secondo le prime verifiche a bordo c’erano più di quaranta persone. Secondo le autorità dell’aviazione civile pachistana non ci sono superstiti.
pubblicità
Il Ghana al voto per le presidenziali. Milioni di ghaneani sono chiamati alle urne per eleggere il presidente. Tra i sette candidati, i favoriti sono il capo dello stato uscente John Dramani Mahama e l’ex leader dell’opposizione Nana Akufo Addo. Il 5 dicembre una persona è morta in un episodio di violenza preelettorale. I seggi si sono chiusi alle 18, ora italiana.
Quasi un centinaio di morti nel terremoto di magnitudo 6,5 sull’isola di Sumatra. Il sisma ha colpito la provincia nordoccidentale indonesiana di Aceh. Secondo l’esercito, i morti sono almeno 92 e 78 i feriti gravi. Decine le abitazioni crollate e si cercano ancora superstiti sotto le macerie. Il sisma, con epicentro al largo della costa, ha colpito all’alba.
L’avvocata Azza Soliman arrestata in Egitto. La polizia egiziana ha arrestato l’avvocata Azza Soliman, tra i fondatori del Centro per l’assistenza legale alle donne egiziane. I motivi dell’arresto non sono stati chiariti ma nell’ultimo mese a Soliman, così come ad altri avvocati, giornalisti e attivisti che si occupano di diritti umani, era stato impedito di lasciare il paese.
Gru in migrazione si riposano nella riserva di Hula, nel nord di Israele.
Raid aereo sulla città irachena di Qaim. La città si trova nell’ovest del paese, non lontana dal confine con la Siria, ed è controllata dal gruppo Stato islamico. Fonti locali parlano di decine di vittime, almeno una cinquantina sarebbero civili.
Donald Trump uomo dell’anno secondo Time. Ogni mese di dicembre il Time sceglie la personalità pubblica che, nel bene e nel male, ha avuto più influenza nel corso dell’anno. Come “person of the year” del 2016 il settimanale statunitense ha scelto il neoeletto presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Nella shortlist pensata da Time c’erano anche il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e la pop star Beyoncé. Nel 2015 la scelta era caduta sulla cancelliera tedesca Angela Merkel.
Fuocoammare tra i 15 documentari selezionati per l’Oscar. Martedì 6 dicembre l’Academy of motion picture arts and science ha pubblicato una shortlist di 15 documentari da cui poi usciranno le cinque nomination ufficiali al premio Oscar, che saranno annunciate il 24 gennaio. Tra i “finalisti” ci sono Fuocoammare di Gianfranco Rosi e l’acclamato O.J. Made in America di Ezra Edelman. Tra i grandi esclusi Into Inferno di Werner Herzog e Miss Sharon Jones! di Barbara Kopple.
NUOVE NOTIZIE

IN PRIMO PIANO
NUOVE NOTIZIE

  • 07 Dic 2016 20.07

Le foto del giorno

Dal terremoto di magnitudo 6,5 che ha colpito l’isola di Sumatra, in Indonesia, alle elezioni presidenziali in Ghana: ventiquattr’ore in immagini. Leggi

  • 07 Dic 2016 19.00

I mille volti di Nobuyoshi Araki

Ci sono mostre e libri molto rari che permettono di avere la giusta prospettiva sul lavoro di un artista, senza sclerotizzarsi su un aspetto solo, magari il più noto, del suo lavoro. Leggi

pubblicità
  • 07 Dic 2016 18.00

Racconti metropolitani

Torna Emerging talents, che dal 2014 ha l’obiettivo di scoprire nuovi talenti della fotografia e dare visibilità ai loro progetti attraverso mostre, proiezioni e presentazioni. Leggi

  • 07 Dic 2016 17.10

I passeggeri dell’Air France e di altre compagnie aeree sono stati spiati dai servizi segreti

I servizi segreti statunitensi e britannici hanno intercettato i telefoni di centinaia di migliaia di passeggeri sui voli della Air France e di altre compagnie aeree. Lo rivela una nuova inchiesta pubblicata da Le Monde in collaborazione con il sito The Intercept e basata sui documenti forniti dall’informatore Edward Snowden. Leggi

  • 07 Dic 2016 16.54
pubblicità
  • 07 Dic 2016 16.35

Le brave ragazze devono imparare a essere cattive

Fino al 2014, Taylor Swift non ne sbagliava una. La principessa bionda della musica country era passata al pop conservando intatta la sua immagine di brava ragazza: era molto bella, ma non si sarebbe mai scattata una foto seminuda; non beveva, non fumava, non andava alle feste. Due anni più tardi, Swift ha perso la sua reputazione. Il suo crimine: aver avuto troppi ragazzi ed essere needy, bisognosa di conferme. Non è più un modello da imitare, perché non offre più una performance soddisfacente del genere femminile. Leggi

  • 07 Dic 2016 15.49

La rapida crescita di Lagos lascia trentamila persone senza casa

Lagos, in Nigeria, sta vivendo una rapida urbanizzazione. Per dare spazio ai nuovi progetti edilizi le autorità cittadine hanno demolito un insediamento informale di pescatori in cui vivevano trentamila persone, ora rimaste senza casa. Il video dell’Afp. Leggi

  • 07 Dic 2016 15.16

Il gruppo Stato islamico in ritirata su tre fronti

Dalla Libia all’Iraq, negli ultimi tempi il gruppo Stato islamico (Is) ha subìto diverse sconfitte. Il punto sulle offensive militari a Sirte, a Mosul e a Raqqa. Le difficoltà dell’Is in Medio Oriente, però, potrebbero preludere a un cambio di strategia. Leggi

  • 07 Dic 2016 15.01

Il processo a Ratko Mladić entra nella fase finale

Il 5 dicembre è cominciata la requisitoria finale del processo al generale serbobosniaco Ratko Mladić davanti al Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia. È accusato di genocidio e crimini contro l’umanità, commessi durante la guerra in Bosnia Erzegovina. La pulizia etnica non fu “la conseguenza della guerra ma il suo obiettivo”, ha detto il procuratore Alain Tieger. Mladić rischia una condanna all’ergastolo. Leggi

  • 07 Dic 2016 13.48

L’insana passione dei partiti italiani per le leggi elettorali

Ieri ho ricevuto un messaggio da un amico giornalista tedesco che mi ha preannunciato una telefonata molto più insidiosa: “Mi potresti spiegare le polemiche sulla legge elettorale in Italia?”. Oddio, mi sono spaventato, da dove cominciare? Leggi

pubblicità
  • 07 Dic 2016 13.21

I ribelli siriani perdono tutto il centro di Aleppo

I ribelli siriani hanno perso tutte le aree del centro di Aleppo che erano rimaste sotto il loro controllo, comprese quelle intorno alla Cittadella, che occupavano da quattro anni. Sono più di ottantamila le persone che sono state costrette ad abbandonare le loro case da quando a metà novembre si è intensificata l’offensiva delle forze governative per riconquistare la parte della città ancora in mano all’opposizione. Leggi

  • 07 Dic 2016 13.00

Il voto in Ghana mette alla prova la stabilità del paese

A quasi venticinque anni dal ritorno della democrazia e del pluralismo politico con la transizione guidata da Jerry John Rawlings, i ghaneani tornano alle urne il 7 dicembre per un voto segnato dall’incertezza. Saranno le settime elezioni dopo l’inizio della quarta repubblica, nel 1993. Leggi

  • 07 Dic 2016 12.36

Due appuntamenti decisivi per la crisi di governo

Alle 9.30 è cominciata la discussione sulla legge di bilancio al senato sulla quale il governo ha posto la questione di fiducia. L’approvazione dovrebbe avvenire entro oggi. Alle 17.30 è stata convocata la direzione nazionale del Partito democratico, in cui il segretario Matteo Renzi, presidente del consiglio dimissionario, riferirà al partito sulla sua decisione di dimettersi e sull’esito del referendum costituzionale. Leggi

  • 07 Dic 2016 11.46

Connesso

Duemilaseicentodiciassette. È il numero di volte che, in media, tocchiamo, clicchiamo o scorriamo il dito sullo schermo del nostro telefono durante il giorno. Una persona su dieci guarda il telefono in piena notte, tra le due e le sei di mattina. In tutto, usiamo lo smartphone per cinque ore al giorno. Ma non siamo consapevoli della nostra dipendenza: tutti siamo convinti che siano gli altri a esagerare. Leggi

  • 07 Dic 2016 10.30

Dan Savage racconta come nasce una rubrica sul sesso

“Quando si parla di sesso non sono mai sconvolto da quello che fa la gente. Quello che mi stupisce è come le persone si trattano tra di loro, quello che sopportano e le cose che infliggono al partner, emotivamente e non sessualmente”. Prima parte di un’intervista in tre puntate al giornalista e attivista lgbt Dan Savage. Leggi

pubblicità
  • 07 Dic 2016 10.01

I sioux sotto la neve

Veterani e attivisti al campo di Oceti Sakowin dove da mesi i nativi americani protestano contro la costruzione di un oleodotto vicino alla riserva di Standing Rock Sioux, a cavallo tra il North Dakota e il South Dakota. Il 4 dicembre gli ingegneri dell’esercito statunitense hanno negato l’autorizzazione ai lavori, ma il portavoce di Donald Trump ha detto che la futura amministrazione potrebbe rivedere questa decisione.
  • 07 Dic 2016 09.46

Sogno un’Europa che faccia qualcosa per Aleppo

La diplomazia, come la politica, non ci obbliga sempre a schierarci dalla parte del vincitore, in questo caso quella del macellaio di Damasco, il dittatore Bashar al Assad. Ecco perché i paesi europei, in particolare Francia e Germania, dovrebbero far sentire la loro voce per una soluzione della crisi siriana. Leggi

  • 07 Dic 2016 09.31

I titoli dei quotidiani di oggi

  • Corriere della Sera: “Inconcepibile il voto subito”
  • La Repubblica: “Mattarella e il Pd frenano Renzi. Pisapia: io pronto a unire la sinistra”
  • La Stampa: “Elezioni, Mattarella frena Renzi”
  • Il Sole 24 Ore: “Piazza Affari corre con le banche. Spread a 158 punti, Bt sotto il 2%”
  • Il Messaggero: “Mattarella: no al voto subito”
  • Il Fatto Quotidiano: “Renzi prende altre due sberle”
  • Il Giornale: “Renzi tenta l’inciucio per comandare ancora”
  • Il Foglio: “O con Berlusconi o alle elezioni”
  • Libero: “Grasso che cola”
  • il manifesto: “Matteo da legare”
  • L’Unità: “Renzi: governo istituzionale o il voto”
  • 06 Dic 2016 20.00

Le foto del giorno

Dai combattimenti a Mosul tra l’esercito iracheno e il gruppo Stato islamico all’allerta per l’inquinamento atmosferico a Parigi: ventiquattr’ore in immagini. Leggi

  • 06 Dic 2016 19.18

Il male d’inverno

Per chi è stato nel Ponente ligure, è un tormentone classico: “la Corsica all’orizzonte non l’ho vista mai”, miraggio piemontese, il cui corrispettivo concreto sono altre illusioni come “i topless in Francia” o “un tuo fidanzato decente”. E sullo sfondo, i sintetizzatori di cui sono fatti i sogni. Leggi