Nucleare

Il negoziato sul nucleare iraniano sull’orlo della rottura

L’Iran chiede di togliere l’esercito dei mullah dalle liste terroristiche, l’Aiea avverte che Teheran è sempre più vicina a costruire la bomba atomica. In caso di strappo salirebbe la tensione con Israele e i paesi del Golfo. Leggi

Teheran usa la diplomazia degli ostaggi per negoziare sul nucleare

Nessuna delle persone straniere o con doppia nazionalità detenute dalle autorità iraniane è ufficialmente un ostaggio. Ma a prescindere dalle accuse nei loro confronti è evidente che fungono da moneta di scambio nel trattato sul nucleare. Leggi

pubblicità
La liberazione degli ostaggi in Iran e il futuro dell’accordo sul nucleare

La recente liberazione di Nazanin Zaghari-Ratcliffe e Anoosheh Ashoori, due persone con la doppia nazionalità britannica e iraniana, è una svolta positiva nei rapporti tra l’Iran e il Regno Unito. Ma restano ancora molti nodi da sciogliere. Leggi

Il negoziato sul nucleare iraniano rischia il fallimento

L’Iran vuole dimostrare di saper tenere testa all’occidente. In realtà, le pressioni arrivano dal malcontento interno e dalle nuove alleanze mediorientali: gli stati del golfo si affidano sempre più a Israele per contenere Teheran. Leggi

Il negoziato sul nucleare iraniano riapre in un clima di pessimismo

Il 29 novembre riaprono a Vienna le trattative per regolamentare il programma nucleare iraniano. Al tavolo sono tornati gli Stati Uniti, ma gli equilibri regionali e mondiali sono cambiati e si rischia di raggiungere un accordo inefficace. Leggi

pubblicità
La Cina testa un missile ipersonico e cambia le regole del gioco

Ad agosto la Cina avrebbe testato un missile di nuova generazione che rende obsoleti i sistemi di difesa. La nuova guerra fredda tra Pechino e Washington toglierà importanti risorse all’istruzione e alla lotta al cambiamento climatico. Leggi

Epocale

Era necessaria la ratifica di almeno cinquanta paesi e il 24 ottobre l’Honduras ha annunciato la sua adesione: il trattato delle Nazioni Unite che vieta le armi nucleari potrà entrare in vigore. Leggi

Il disarmo mondiale è più debole senza il trattato antimissile

Il trattato sui missili a medio raggio è scaduto il 2 agosto senza che la Russia o gli Stati Uniti provassero a salvarlo. Ora si apre una nuova epoca di incertezza. Leggi

Il fallimento del vertice di Hanoi apre nuove prospettive

Il mancato accordo sulla denuclearizzazione di Pyongyang e la cancellazione delle sanzioni dimostra che Trump presta ancora ascolto ai suoi consiglieri. Leggi

La tensione tra l’India e il Pakistan va fermata subito

Finora la diplomazia ha aiutato a evitare il peggio tra le due potenze nucleari. Oggi, però, il nazionalismo e gli interessi militari premono da entrambe le parti. Leggi

pubblicità
Cosa aspettarsi dal vertice tra Kim Jong-un e Donald Trump

Il vero obiettivo non è il disarmo unilaterale della Corea del Nord ma il miglioramento delle relazioni tra i paesi, ammorbidendo le sanzioni contro Pyongyang e proseguendo il dialogo con Seoul. Leggi

Riusciranno gli europei a salvare l’accordo con l’Iran?

Trump ha tre opzioni: prolungare l’accordo e scontentare il suo elettorato; seguire l’istinto, Israele e i consiglieri cancellando tutto; o imboccare la via di mezzo suggerita dal suo “amico” Macron. Leggi

Kim Jong-un dovrà scoprire le sue carte per un accordo con Trump

La partita si giocherà sulla definizione di “denuclearizzazione” e su cosa gli americani sono disposti a offrire in cambio. Leggi

L’accordo con Teheran sul nucleare va salvato a tutti i costi

Gli Stati Uniti pretendono che l’Europa li segua nel contestare l’accordo con Teheran. Ma il rischio è di avere ben quattro potenze nucleari in Medio Oriente. Leggi

Emmanuel Macron prova a placare le minacce di Donald Trump

Il presidente americano ha usato toni bellicosi davanti all’assemblea generale dell’Onu. Il presidente francese ha approfittato per prenderne le distanze. Leggi

pubblicità
Le madri di Fukushima misurano da sole la radioattività del cibo

L’11 marzo 2011 un terremoto e uno tsunami hanno colpito il Giappone. La centrale nucleare di Fukushima è stata danneggiata e ha rilasciato materiale radioattivo. A sei anni dal disastro alcune madri della zona hanno creato un laboratorio in cui analizzano cibo, terreno e acqua per evitare che i loro figli entrino in contatto con alimenti radioattivi. Il video dell Thomson Reuters Foundation. Leggi

A un anno dall’accordo sul nucleare l’Iran aspetta un cambiamento

Un anno dopo la firma dello storico accordo sul programma nucleare la situazione economica e sociale dell’Iran non ha avuto grandi cambiamenti. Ad allontanare i potenziali investitori stranieri sono la situazione dei diritti umani e il legame del paese con gruppi come l’organizzazione sciita libanese Hezbollah. Il video dell’Afp. Leggi

Perché Černobyl fa ancora paura

Il 26 aprile 1986 a Černobyl si è verificato il più grave incidente della storia in una centrale nucleare. Černobyl si trova in Ucraina settentrionale, e all’epoca era territorio dell’Unione Sovietica. Gli effetti di quella tragedia, trent’anni dopo, continuano a pesare sulla popolazione di una vasta area contaminata al confine tra Ucraina e Bielorussia, dove le autorità sostengono che oggi sia possibile una vita normale. Il reportage di Nicole Di Giulio e Antonella Spinelli. Leggi

Comincia oggi a Washington il quarto vertice sulla sicurezza nucleare
Comincia oggi a Washington il quarto vertice sulla sicurezza nucleare. Tra i temi che saranno discussi nell’arco di due giorni, la minaccia nordcoreana e la lotta contro il gruppo Stato islamico, che si teme possa ottenere armi fabbricate con sostanze radioattive. All’incontro non parteciperanno però i rappresentanti di Russia e Iran.
Fukushima, una storia nucleare

Cinque anni dopo lo tsunami nel nordest del Giappone, un documentario di Matteo Gagliardi racconta la più grave crisi nucleare dopo Chernobyl. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.