Marocco

Marocco

Capitale
Rabat
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Dirham marocchino
Superficie
Il Marocco in rivolta contro le disuguaglianze

La morte tragica di un pescatore ha scatenato delle manifestazioni pacifiche che vanno avanti da mesi. Leggi

Il re del Marocco Mohammed VI ha nominato primo ministro Saad Eddine El Othmani.
Il re del Marocco Mohammed VI ha nominato primo ministro Saad Eddine El Othmani. Il leader del Partito per la giustizia e lo sviluppo (Pjd) ha ricevuto l’incarico di formare un nuovo governo, al termine di cinque mesi di stallo politico dopo che il partito ha vinto le elezioni dello scorso ottobre. Othmani è stato ministro degli esteri dal gennaio del 2012 all’ottobre del 2013.
pubblicità
Il Marocco annuncia il suo ritiro da una zona del Sahara occidentale rivendicata dal popolo sahrawi.
Il Marocco annuncia il suo ritiro da una zona del Sahara occidentale rivendicata dal popolo sahrawi. A partire da oggi il regno procederà ad un ritiro unilaterale dalla zona di Guerguerat, un villaggio nel sudovest del Sahara occidentale al confine con la Mauritania. La zona è sotto il controllo del Marocco ma è rivendicata dagli indipendentisti del Fronte Polisario come parte della Repubblica democratica araba dei sahrawi (Sadr). Il 24 febbraio il re Mohammed VI ha avuto un colloquio telefonico con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per discutere un piano di ripristino del cessate il fuoco in seguito alle recenti incursioni armate degli indipendentisti.
Centinaia di migranti hanno scavalcato la recinzione dell’enclave spagnola di Ceuta, in Marocco
Centinaia di migranti hanno scavalcato la recinzione dell’enclave spagnola di Ceuta, in Marocco. All’alba del 17 febbraio, circa seicento migranti hanno scavalcato la barriera al confine con il Marocco. La Croce rossa spagnola sta curando le quattrocento persone rimaste ferite nello scavalcamento. Gran parte dei migranti sono stati riportati in Marocco dalle autorità di frontiera. L’ultimo tentativo di superamento di massa della barriera risale alla notte di capodanno, quando più di mille migranti sono stati respinti dalle autorità marocchine.
Il Marocco è stato riammesso nell’Unione africana dopo più di 30 anni
Il Marocco è stato riammesso nell’Unione africana dopo più di 30 anni. La decisione è stata presa al 28° summit dell’organizzazione panafricana, in corso il 30 e 31 gennaio nella capitale etiope Addis Abeba. Nel 1984 il Marocco decise di ritirarsi per protestare contro l’ammissione della Repubblica democratica araba dei sahrawi, lo stato autoproclamato che rivendica la sovranità sul Sahara Occidentale.
pubblicità
Il re marocchino Mohammed VI ad Addis Abeba per il vertice dell’Unione africana (Ua)
Il re marocchino Mohammed VI ad Addis Abeba per il vertice dell’Unione africana (Ua). Il sovrano sarà in visita ufficiale in Etiopia fino al summit dei capi di stato previsto per il 30 e 31 gennaio, durante il quale si discuterà del rientro del Marocco nell’organizzazione panafricana dopo 33 anni. Rabat aveva deciso di uscire dall’Ua nel 1984 per divergenze sulla questione dei sahrawi.
Due caschi blu marocchini sono stati uccisi nella Repubblica Centrafricana.
Due caschi blu marocchini sono stati uccisi nella Repubblica Centrafricana. Due soldati marocchini del contingente Onu sono morti e altri sono rimasti feriti in un attacco compiuto da aggressori non identificati, fa sapere l’agenzia di stampa di stato Map. L’attacco è avvenuto alla periferia della città di Bria, nel centro del paese.
Cartoline dal Marocco
Si apre la fase politica della conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici (Cop22) in corso a Marrakech.
Si apre la fase politica della conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici (Cop22) in corso a Marrakech. Sono una cinquantina i capi di stato attesi in Marocco per intervenire alla Cop22. Nella conferenza stampa che ha aperto i lavori della il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha affermato che l’azione per ridurre il riscaldamento globale è inarrestabile, al di là delle convinzioni dei singoli capi di stato. C’è molta attesa infatti per conoscere la posizione degli Stati Uniti la cui delegazione è su posizioni apparentemente diverse da quelle del neoeletto presidente Donald Trump.
Migliaia di persone in piazza in Marocco dopo la morte di un venditore di pesce.
Migliaia di persone in piazza in Marocco dopo la morte di un venditore di pesce. L’incidente è avvenuto la sera del 28 ottobre ad Al Hoceima, dove Mouhcine Fikri è rimasto schiacciato dentro un camion della spazzatura mentre cercava di recuperare i pesci che gli erano stati confiscati. La sua morte ha causato una forte indignazione e fatto nascere manifestazioni pacifiche contro il governo in diverse città.
pubblicità
Il partito islamista Giustizia e sviluppo (Pjd) ha vinto le elezioni legislative in Marocco
Il partito islamista Giustizia e sviluppo (Pjd) ha vinto le elezioni legislative in Marocco. Con il 90 per cento dei seggi scrutinati, il partito del primo ministro Abdelilah Benkirane ha ottenuto 99 seggi, contro gli 80 del Partito autenticità e modernità (Pam) e 31 del partito conservatore Istiqlal. Sono state le seconde elezioni legislative dopo le riforme costituzionali adottate dal paese nel 2011. Il partito al governo ha dichiarato che il secondo mandato permetterà di portare avanti il programma di riforme economiche e sociali.
Il Marocco alle urne per le elezioni legislative.
Il Marocco alle urne per le elezioni legislative. I partiti favoriti sono il Partito della giustizia e dello sviluppo, islamista, del premier uscente Abdelilah Benkirane, e il Partito autenticità e modernità, di Ilyas el Omari, di centrosinistra. Sono chiamati alle urne 16 milioni di elettori.
Il Marocco al voto dovrà scegliere tra islamisti e liberali

Il paesaggio politico marocchino cambierà radicalmente? Oggi quasi 16 milioni di marocchini sono chiamati alle urne per le decime elezioni legislative dall’indipendenza del regno. Leggi

Le Farc approvano l’accordo di pace.
Le Farc approvano l’accordo di pace. Il congresso delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia ha approvato all’unanimità l’accordo con il governo che dovrebbe mettere fine a una guerra civile cominciata nel 1964. Il 26 settembre il documento sarà firmato dal presidente colombiano Juan Manuel Santos e dai leader delle Farc, e il 2 ottobre sarà sottoposto con un referendum al voto dei colombiani.
Dentro la biblioteca più antica del mondo, a Fez

Istituita per volontà di una giovane donna di religione islamica, Fatima al Fihri, l’università di al Qarawiyyin a Fez, in Marocco, aprì i battenti nell’859 ed è la più antica del mondo. Negli ultimi tre anni, la sua biblioteca è stata restaurata da un’altra donna, l’architetta canadese di origine marocchina Aziza Chaouni. Leggi

pubblicità
Il Marocco fa un passo verso l’Unione africana

Il Marocco intensifica i suoi sforzi di integrazione. In un messaggio al capo dell’assemblea dell’Unione africana il re Mohamed VI ha chiesto che il suo paese riprenda il suo posto nell’organizzazione dopo 32 anni. Leggi

Il Marocco chiede di rientrare nell’Unione africana
Il Marocco chiede di rientrare nell’Unione africana. Nel 1984 aveva lasciato l’organizzazione in polemica contro il riconoscimento dell’indipendenza del Sahara occidentale, che Rabat considera una sua “provincia meridionale”. Ma trentadue anni di boicottaggio non sono serviti a soddisfare le richieste marocchine. Si chiude oggi il 27° vertice dei leader africani, che a Kigali, in Ruanda, hanno discusso soprattutto delle ultime violenze in Sud Sudan.
Come preparare lo stufato di ceci con spezie alla marocchina

Melissa Clark mostra come cucinare un aromatico stufato di ceci alla marocchina con finocchi, carote, bietola arcobaleno e rape. Addolcito con limoni sottaceto e albicocche secche. Le ricette del New York Times. Leggi

Morto il segretario generale del Fronte Polisario Mohamed Abdelaziz.
Morto il segretario generale del Fronte Polisario Mohamed Abdelaziz. Abdelaziz dirigeva dal 1976 il Fronte Polisario, un gruppo fondato tre anni prima con il sostegno dell’Algeria, per ottenere l’indipendenza del Sahara Occidentale, una regione attualmente occupata dal Marocco che ne rivendica la sovranità.
Comincia a Essaouira il festival gnawa e world music.
Comincia a Essaouira il festival gnawa e world music. Giunto alla 19ª edizione, andrà avanti fino al 15 maggio. Uno dei più importanti festival del Marocco, affianca ai musicisti gnawa (i discendenti degli antichi schiavi) artisti che fanno musica tradizionale africana e world music.
pubblicità