Stato islamico

La vita degli iracheni dopo la fine dell’occupazione jihadista

L’esercito dell’Iraq ha liberato le zone del paese occupate dal gruppo Stato islamico nel 2017. Ma tra sfollati, povertà, attentati e una ricostruzione che stenta a ripartire, le difficoltà per i civili continuano. Leggi

La strage di Christchurch in diretta e i limiti delle aziende tecnologiche

A Christchurch ha agito un uomo di 28 anni abituato a usare la tecnologia. È una sfida enorme per le nostre società aperte. Leggi

pubblicità
Il gruppo Stato islamico cerca di risorgere in Iraq

Un’esplosione mortale a Mosul mostra che i jihadisti sono pronti ad approfittare delle lotte intestine ai partiti per ricompattarsi dopo le disfatte in Siria. Leggi

Finita l’utopia jihadista, le giovani occidentali vogliono tornare a casa

Sono partite dall’occidente, giovani e adolescenti, per raggiungere “l’utopia del califfato”. Arrivate in Siria, si sono sposate con i jihadisti e sono diventate madri. La loro sorte pone questioni politiche e morali ai governi occidentali. Leggi

Cosa resta di Mosul dopo la caduta del gruppo Stato islamico

Isis tomorrow. The lost souls of Mosul è un lavoro d’inchiesta raro. Il documentario di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi sarà presentato al festival di Ferrara il 7 ottobre. Leggi

pubblicità
I figli dimenticati del terrore

Le operazioni militari possono smantellare i gruppi terroristici. Ma non cancellano il lavaggio del cervello subìto dai bambini rapiti dai miliziani del gruppo Stato islamico. Leggi

Afrin

La campagna turca nel nord della Siria non riguarda solo il futuro dei curdi: può trasformare l’intera regione con profonde conseguenze per l’occidente e i suoi rapporti con la Russia. Leggi

Il tesoro archeologico nel sottosuolo di Mosul

La moschea del profeta Younis era uno dei simboli di Mosul. Svettava in cima alla collina dalla strada che segue il fiume. Leggi

Per gli iracheni non è la fine della guerra

Cosa succederà dopo? Nella piazza Tahrir di Baghdad, intanto, migliaia di ragazzi sono scesi in piazza per celebrare la liberazione di Mosul. Leggi

Nelle Filippine solo una buona politica può fermare i jihadisti

L’assedio degli estremisti islamici nella città di Marawi potrebbe finire presto. Nel paese resta tuttavia aperta la questione del separatismo musulmano. Leggi

pubblicità
Addio al minareto simbolo di Mosul 

I combattenti del gruppo Stato islamico (Is) hanno commesso un grave crimine contro il patrimonio culturale, facendo esplodere la grande moschea Al Nuri. Leggi

La battaglia di Mosul non è ancora finita

Dal giugno del 2014 Mosul è stata la roccaforte del gruppo Stato islamico in Iraq. Lo scorso ottobre le truppe irachene hanno lanciato un’offensiva per riconquistare la città sottraendo la parte est al controllo dei jihadisti. Ora l’esercito di Baghdad sta cercando di riconquistare la parte ovest. Centinaia di civili sono morti sotto i bombardamenti. Il video dal fronte di Gabriele Micalizzi e Daniele Raineri. Leggi

Dopo la battaglia di Mosul, per l’Iraq si annunciano giorni difficili

L’esercito iracheno è a pochi metri dal centro di Mosul. Si avvicina la fine della sanguinosa guerra contro il gruppo Stato islamico. Ma gli abitanti di Baghdad sono preoccupati per le tensioni che emergeranno nel prossimo futuro. Leggi

Vertice della coalizione contro il gruppo Stato islamico a Washington.
Vertice della coalizione contro il gruppo Stato islamico a Washington. I 68 paesi impegnati in Iraq e in Siria nei bombardamenti contro il gruppo Stato islamico si riuniscono mercoledì a Washington. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha promesso di “demolire” i jihadisti, anche se la coalizione è attraversata da diversi conflitti e divisioni.
Il gruppo Stato islamico cambia strategia in Afghanistan

A Kabul tornerà mai la pace? Da quello che è successo negli ultimi giorni, c’è da dubitarne. L’8 marzo nella capitale afgana un nuovo attacco terroristico ha causato almeno 49 morti e 46.altrettanti feriti. L’obiettivo era il più importante ospedale militare del paese. Leggi

pubblicità
Sale a 49 il numero dei morti nell’attacco a un ospedale militare di Kabul.
Sale a 49 il numero dei morti nell’attacco a un ospedale militare di Kabul. Altre 63 persone sono rimaste ferite. L’attentato dell’8 marzo, rivendicato dal gruppo Stato islamico, ha colpito il principale ospedale militare dell’Afghanistan, dove si trovavano almeno 400 persone. Quattro attentatori vestiti da medici sono entrati nella struttura e hanno aperto il fuoco sul personale e sui pazienti. Secondo le autorità afgane, tutti gli aggressori sono stati uccisi.
Il gruppo Stato islamico attacca un ospedale militare di Kabul: almeno trenta morti.
Il gruppo Stato islamico attacca un ospedale militare di Kabul: almeno trenta morti. L’attentato, rivendicato dall’organizzazione jihadista, ha colpito il principale ospedale militare dell’Afghanistan, il Sardar Daud di Kabul. Quattro attentatori vestiti da medici sono entrati nella struttura e hanno aperto il fuoco sul personale e sui pazienti. Tutti gli aggressori sono stati uccisi, hanno dichiarato le autorità afgane. Al momento il bilancio è di trenta vittime e almeno 50 feriti. Nell’ospedale si trovavano almeno 400 persone.
Un piano per il futuro di Mosul

Il giornalista curdo Delovan Barwari ha seguito le ultime operazioni militari a Mosul dalle file dell’esercito. Anche se ha constatato che il morale delle truppe è alto, lui si dice poco ottimista. Barwari è convinto che molti jihadisti siano riusciti a scappare o a infiltrarsi fra i profughi. Leggi

Il gruppo Stato islamico si rafforza nel Sinai e mette in fuga i copti

Negli ultimi giorni un centinaio di famiglie di cristiani copti d’Egitto sono scappate dalla penisola del Sinai verso Ismailia, dopo una serie di attacchi dei jihadisti. Leggi

L’esercito iracheno ha conquistato il controllo dell’ultima grande strada che porta a Mosul ovest.
L’esercito iracheno ha conquistato il controllo dell’ultima grande strada che porta a Mosul ovest. Ora i jihadisti dello Stato islamico sono intrappolati in una zona sempre più ristretta della città. Le forze armate irachene, appoggiate dagli Stati Uniti, avevano conquistato la parte orientale di Mosul a gennaio, dopo cento giorni di combattimenti, e il 19 febbraio avevano lanciato il loro attacco sui quartieri a ovest del fiume Tigri. Secondo il comandante statunitense che segue le operazioni in Iraq, l’esercito riconquisterà sia Mosul sia Raqqa, roccaforte dello Stato islamico in Siria, entro sei mesi. I combattimenti negli ultimi giorni hanno causato la fuga di 26mila civili.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.