Storia

Marx, il nuovo Socrate

“Ebbene sì, mi trovo faccia a faccia con la rivoluzione in carne e ossa”. Un’intervista al padre del comunismo dopo la fine della Comune di Parigi. Dall’archivio di Internazionale. Leggi

Lungo la linea gotica

Con il progetto Grüne Linie il fotografo Giancarlo Barzagli è andato alla ricerca dei segni della Resistenza in una piccola valle dell’Appennino toscoromagnolo. Leggi

pubblicità
I partigiani perduti

Ogni anno l’Italia celebra la liberazione dal nazifascismo. Ma la memoria storica non è condivisa e il vero spirito della resistenza è svanito da tempo. Un articolo di David Broder, dall’archivio di Internazionale. Leggi

I monumenti fascisti restano in piedi

Gli Stati Uniti e la Francia hanno avviato un processo di smantellamento dei ricordi di un passato controverso. E l’Italia? Leggi

1917

Questa settimana esce in edicola il primo di una serie di numeri speciali di Internazionale, che saranno tutti molto diversi tra loro. Abbiamo cominciato con la rivoluzione russa. Leggi

pubblicità
Per capire il mondo bisogna guardarlo da un altro punto di vista

La storia sta prendendo una direzione che non riusciamo sempre a capire bene. Per questo bisogna uscire da un’ottica provinciale, europea o statunitense. Leggi

La lunga durata della storia

“Sul lungo periodo siamo tutti morti”, diceva John Maynard Keynes. Forse anche per questa ragione negli ultimi quarant’anni gli storici si sono concentrati in genere su periodi più brevi di quelli analizzati dagli storici dell’epoca precedente, legati a prospettive come quella della longue durée di Fernand Braudel. Leggi

Karl Marx ci insegna che la felicità è una forma di emancipazione politica

In un’epoca nella quale la psicologia del successo si presenta come l’ultimo Graal del neoliberismo, per affrontare il sinistro festival di violenze politiche, economiche ed ecologiche nelle quali ci troviamo coinvolti, la biografia di Karl Marx, scritta dal polemico giornalista inglese Francis Wheen, può essere letta come un potente antidoto ai programmi di allenamento e di sviluppo personale. Leggi

Quante storie per la scuola

Come si insegna e si studia la storia in Italia e come bisognerebbe farlo Leggi

Quella di Canne fu più di una semplice battaglia

Il saggio Canne, di Giovanni Brizzi, è una lettura impegnativa, ma ripaga il lettore con una ricostruzione eccellente di un passaggio fondamentale della storia romana. Leggi

pubblicità
Quale storia globale?

Da ormai vent’anni gli storici segnalano la necessità di studiare il passato oltre la prospettiva degli stati nazionali. Oggi sono in molti a sostenere il bisogno di costruire una storia globale ma, nonostante il proliferare dei centri di studio, non è chiaro cosa questa storia debba o possa essere. Leggi

Perché le due Coree sono divise

Anche se non si è potuto accertare che il 6 gennaio Pyongyang abbia davvero testato una bomba H, molti esperti presentano l’episodio come un nuovo tentativo di intimidazione da parte del governo nordcoreano, e come l’ultimo di una lunga serie di conflitti, di scontri e di colpi di mano effettuati nella penisola coreana dal 1947. Leggi

Chi era Corrado Gini, l’amico di Mussolini che inventò la misura della disuguaglianza 

Corrado Gini non aveva ancora compiuto 30 anni quando diede il suo grande contributo alla statistica: il coefficiente che porta il suo nome e serve a misurare la disuguaglianza, che dopo essere stata lungo ignorata è diventata un argomento di moda. Leggi

Il processo che ha cambiato il racconto del novecento

L’8 agosto del 1945 a Londra le principali potenze alleate siglano la nascita del Tribunale militare contro i crimini di guerra. Un tribunale nel quale, per la prima volta nella storia, siederanno sul banco degli imputati i responsabili ideologici e non soltanto materiali di una guerra, accusati di crimini contro l’umanità. Leggi

Waterloo insegna che il potere non mantiene le promesse

Il 18 giugno è il duecentesimo anniversario della battaglia di Waterloo, e inevitabilmente qualcuno dirà che quel giorno ha “cambiato la storia”. In effetti fu una battaglia gigantesca, e sarebbe passato un secolo prima che l’Europa assistesse nuovamente a un conflitto di tali dimensioni. Ma gli eventi del 18 giugno 1815 hanno davvero “cambiato la storia”? Probabilmente no. Leggi

pubblicità
La primavera di gennaio

Il 5 gennaio 1968 veniva eletto segretario generale del Partito comunista cecoslovacco Alexander Dubček, che avvia un percorso di riforme economiche e sociali: è la Primavera di Praga, che però ebbe vita breve. Leggi

I nuovi monumenti

Sui piedistalli di Buenos Aires i comici stanno soppiantando santi e generali. Leggi

Un viaggio d’istruzione nella Calabria ionica

Terza e ultima parte: da Roccelletta a Monasterace marina e infine al mare. Leggi

Un viaggio d’istruzione nella Calabria ionica

Seconda parte: da Terranova Sappo Minulio a Stilo, tra antiche sculture e pale eoliche. Leggi

Un viaggio d’istruzione nella Calabria ionica

Prima parte: da Isca Marina a Seminara, sulle tracce di Tommaso Campanella. Leggi

pubblicità